NOTA: il sito utilizza cookie e tecnologie simili. Se non si cambiano le impostazioni dl browser si ritengono accettate. 

Clicca per ingrandire

01-miniaddominoplastica

Società Scientifiche

Newsletter

Iscriviti alla newsletter del DEA-CENTER per rimanere aggiornato su tutte le novità e le offerte.
L'iscrizione è gratuita e può essere cancellata in qualsiasi momento.

Login

Per accedere alle aree riservate o inviare commenti devi effettuare il login

Miniaddominoplastica

MINIADDOMINOPLASTICA (MUMMY TUCK) PER UN VENTRE NUOVO DOPO IL PARTO

COS’E’

E’ un intervento di Chirurgia Plastica mini-invasiva, in genere effettuato in Day Hospital in anestesia locale o locoregionale.
Prevede una liposcultura dei fianchi e dell’addome unita alla revisione chirurgica della cicatrice del cesareo o la rimozione di un piccolo eccesso di cute con un taglio che assomiglia per lunghezza ed altezza a quello del cesareo.
Può essere associato in alcuni casi anche alla ricostruzione dei muscoli addominali.

A COSA SERVE

Serve a correggere alcune deformità dell’addome dopo il parto.

CHI E’ INDICATO

Donne che abbiano partorito, sia con parto naturale che con il cesareo, che non siano molto in sovrappeso e che non abbiano un grosso eccesso di cute e che vogliano recuperare un addome “giovanile” (vedi foto). Consente anche di revisionare una cicatrice di cesareo non gradevole o a “grembiule”.
Tipicamente, infatti, moltissime donne, sportive o comunque in forma prima delle gravidanze, a seguito del parto, pur ritornando nella propria “taglia” di Jeans e restando in forma, non riconoscono più il loro addome, modificato dalla gravidanza per accumuli di grasso in aree inusuali come i fianchi, oppure a causa di un piccolo eccesso di pelle. L’intervento di miniaddominoplastica o “mummy tuck” è quindi indicato per tutte quelle donne che vorrebbero effettuare un intervento per tornare in forma, ma senza dover ricorrere ad una vera e propria addominoplastica, che comunque comporta una degenza molto più lunga ed una cicatrice troppo estesa.

VANTAGGI E SVANTAGGI

I vantaggi indiscussi sono dati dalla veloce convalescenza (24/48 ore con blandi analgesici, più lunga quando si consideri anche la ricostruzione dei muscoli) dalla possibilità di ridefinire fianchi e addome in un solo intervento e dai costi piuttosto contenuti. Gli svantaggi sono rappresentati soprattutto dalle indicazioni: non tutte le donne possono beneficiare di un intervento piuttosto conservativo. Donne, infatti, con smagliature e cute poco elastica, donne con grossi eccessi di pelle nella parte superiore dell’addome e donne con un discreto sovrappeso non sono quasi mai indicate. La visita chirurgica specialistica potrà chiarire per ciascuna paziente l’opportunità di un intervento più o meno esteso.

COSTI

Dai 2500 fino ai 4500 euro a seconda dei casi.

Devi effettuare il login per inviare commenti